“Amuleti”, di Lorenzo Pataro, letto da Maria Teresa Armentano

“Amuleto”: l’etimologia di questo termine è incerto. Probabilmente nel mondo antico si riferiva a un rito sacrificale. Si può immaginare che Lorenzo Pataro l’abbia scelta come parola che evoca l’Arcano per il suo nuovo libro di versi (Amuleti, Ensemble, 2022, pp. 100, Euro 13), in cui le poesie sono senza titolo. La Poesia è un… Read More “Amuleti”, di Lorenzo Pataro, letto da Maria Teresa Armentano

RABINDRANATH TAGORE: “Nel finito, o infinito”

*Nel finito, o infinito, fai sentire la tua voce. La tua parola in meè tanto dolce.Con colore e fragranza, con musica e danza, invisibile, in un gioco di bellezzabalzi un cuore. Per questo in me la tua parolaè tanto dolce.  Nella tua e mia unioneliberi danzeremosulle onde dell’oceano. Nella tua luce non c’è ombra!questo io vedo,… Read More RABINDRANATH TAGORE: “Nel finito, o infinito”

“Specchio doppio”, di Marco Onofrio, letto da Giorgio Taffon

Note critiche assai positive per il recente volume di Marco Onofrio, Specchio doppio (Cosenza, Pellegrini Editore, 2022, pp. 160, Euro 15). Anzitutto, la scorrevolezza. Il libro si legge difilato, i 20 racconti di cui si compone hanno, ciascuno in modo diverso, la capacità di catturare l’attenzione del lettore e di tenerlo incollato alla pagina, grazie… Read More “Specchio doppio”, di Marco Onofrio, letto da Giorgio Taffon

Bernardo Santos: “La tua bocca d’acqua rotta nel buio” (2017)

LA TUA BOCCA D`ACQUA ROTTA NEL BUIO Dalla tua bocca rotta sorgela storia dell’acqua sulla mia linguae nell’umido e nel buioscende la mia lingua alla tua bocca. E mi irroro nella tua boccacome un bambino che navigaquando la tua lingua abita in mee goccia dolci accenti. E c’è solo la tua boccae io sono la… Read More Bernardo Santos: “La tua bocca d’acqua rotta nel buio” (2017)

“Viaggio nel sangue”, di Zingonia Zingone, letto da Dante Maffìa

Libro, a un tempo,  duro, forte e teso con nel fondo una tenerezza infinita, un sentimento alto radicato nei valori della vita, meglio: del sangue, proprio come direbbero i vecchi della mia Calabria che quando vogliono sottolineare un legame autentico e duraturo fanno ricorso alla parola sangue. Libro anche di devozioni e di agnizioni, che… Read More “Viaggio nel sangue”, di Zingonia Zingone, letto da Dante Maffìa

Dante Maffìa: “Sono costretto ad amarti”. Commento di Paolo Corradini

SONO COSTRETTO AD AMARTI Sono costretto ad amarti.Non appena penso un “ma” nei tuoi confrontifranano gli orizzonti,si stende un velo d’acciaiotra me e il mondo,vengo chiamato coi nomi più offensivi,tacciato d’essere vile,stupido, un nienteche ha avuto la fortuna d’incontrartichissà perché,per un qualche errore del firmamento. Sono costretto ad amartiperché senza di te mi manca l’aria,entro… Read More Dante Maffìa: “Sono costretto ad amarti”. Commento di Paolo Corradini

Luciano Nota: “Il poeta”

IL POETA Ferrato in tuttoattratto come nessunoscala steli e vetratebaratri senza toni.Scova gusti celatiestatiche ragnatelevolatili veementi in vizi. E tutto è leggeropeso che non pesasaga che non inganna.Ricava dalle franeacquari persistentifitte felpate dai tinelli.E se chiede ai morti di impastareintasca pane per i vivi. Luciano Nota