“Amuleti”, di Lorenzo Pataro, letto da Maria Teresa Armentano

“Amuleto”: l’etimologia di questo termine è incerto. Probabilmente nel mondo antico si riferiva a un rito sacrificale. Si può immaginare che Lorenzo Pataro l’abbia scelta come parola che evoca l’Arcano per il suo nuovo libro di versi (Amuleti, Ensemble, 2022, pp. 100, Euro 13), in cui le poesie sono senza titolo. La Poesia è un… Read More “Amuleti”, di Lorenzo Pataro, letto da Maria Teresa Armentano

“Il roseto sul bunker”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

Il romanzo “Il roseto sul bunker” (Europa Edizioni, 2022, pp. 198, Euro 14,90) configura un rapporto di continuità con le precedenti opere narrative di Italia Vitiello Izzo. Lo spettacolo della gente, l’eterna faccenda delle esistenze in gioco, i temi universali. Insomma, la scrittrice e biologa di origine salernitana pare costantemente appassionata alla scrittura del tempo,… Read More “Il roseto sul bunker”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

Marco Onofrio: “Pier Paolo Pasolini e il cinema”

Magia, realismo, tragedia: sono questi i pilastri del cinema di Pasolini, e girano intorno al gorgo del “sacro”, nella doppia accezione di angelico e demoniaco, come vitalismo mitologico e oscuro fondamento sadomasochistico dell’amore. Il “sacro” è il guscio che vela e insieme svela il nucleo fondamentale della sua vis creativa: la morte. Tutta la sua… Read More Marco Onofrio: “Pier Paolo Pasolini e il cinema”

“L’ultimo sorriso di Beatrice”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

Ideale viatico per la lettura di questo bellissimo patchwork di “percorsi letterari da D’Annunzio ai contemporanei” (L’ultimo sorriso di Beatrice, EdiLet, 2020, pp. 272, Euro 17), scritti e raccolti da Sabino Caronia, potrebbe essere il «magistero di Leopardi, la sua parabola» che, come scrive Stefano Verdino, «consuma una disabitazione del mondo» realizzando «il suo senso drammatico della trasformazione,… Read More “L’ultimo sorriso di Beatrice”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

NICCOLÒ TOMMASEO: “A una foglia”

A UNA FOGLIA Foglia, che lieve a la brezza cadestisotto i miei piedi, con mite richiamoforse ti lagni perch’io ti calpesti. Mentr’eri viva sul verde tuo ramo,passai sovente, e di te non pensai;morta ti penso, e mi sento che t’amo. Tu pur coll’aure, coll’ombre, co’ raivenivi amica nell’anima mia;con lor d’amore indistinto t’amai. Conversa in… Read More NICCOLÒ TOMMASEO: “A una foglia”

Luciano Nota: “Il poeta”

IL POETA Ferrato in tuttoattratto come nessunoscala steli e vetratebaratri senza toni.Scova gusti celatiestatiche ragnatelevolatili veementi in vizi. E tutto è leggeropeso che non pesasaga che non inganna.Ricava dalle franeacquari persistentifitte felpate dai tinelli.E se chiede ai morti di impastareintasca pane per i vivi. Luciano Nota

Dante Maffìa: “Dopo una mattinata davanti al mare”

DOPO UNA MATTINATA DAVANTI AL MARE Finito il tempo delle domande!Finalmente padrone dell’invisibilee dell’inesprimibile,finalmente dentro i segreti del silenzioe di tutto l’incensocustodito dal Tempocome un’anima ammalatasempre sul punto di peccare. Vita e morte non hanno più senso;anzi non esistono.Perduta la loro arroganzasi sono fuse all’Amore,diventate fiume di carità e bellezzanei tuoi occhi spalancatiallo scandalo delle… Read More Dante Maffìa: “Dopo una mattinata davanti al mare”