“La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

Può esistere una scrittura estremamente lirica e, allo stesso tempo, estremamente sliricizzata, pastosa ed esile, calda e rarefatta, realistica e sognante, poetica e razionale, specificata fino all’inverosimile e compatta, solida, fatta di sensazioni, di dettagli minimi, di accensioni che prendono la via del resoconto? Può esistere una scrittura che sappia specificare la poesia dell’anima, la… Read More “La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

Lo sciamano

Quando il ponte danza e il fiume frena, la tua vita si fa piena. È l’enigmatico inizio di questa storia in cui la narrazione di aneddoti biografici particolari si fonde con l’esposizione di principi spirituali universali. Un viaggio interiore con una Guida d’eccezione alla riscoperta del significato più profondo e autentico di concetti come Libertà,… Read More Lo sciamano

BONAVENTURA TECCHI: la scoperta del “demonico”

Marcello ed Isabella s’eran fermati silenziosi, una sera, sulla strada deserta, in quel trapasso di giorni in cui, partiti gli ospiti invernali, non erano ancor giunti quelli per la nuova stagione e tutto, nel piccolo villaggio, pareva deserto. Erano vicini a un acquitrino, e a un certo punto udirono una voce, ché da lontano qualcuno… Read More BONAVENTURA TECCHI: la scoperta del “demonico”

“Kafka sulla spiaggia”, di Murakami Haruki, letto da Dante Maffìa

Kafka sulla spiaggia (Torino, Einaudi, 2008, pp. 514, Euro 20) è un romanzo costruito per episodi, con la convinzione che poi si troverà una sutura, e che alla fine, con belle frasi e buoni intendimenti, il cerchio si chiuderà e l’opera sarà osannata perché ricca di suggestioni, di intenzioni esoteriche, filosofiche, sapienziali. Non è così,… Read More “Kafka sulla spiaggia”, di Murakami Haruki, letto da Dante Maffìa

“Sabato pomeriggio” di Silvia Volpi, letto da Marco Onofrio

[Per celebrare il nuovo romanzo di Silvia Volpi, recentemente pubblicato da Mondadori, riproponiamo la lettura critica che Marco Onofrio ha fatto del suo primo romanzo]. Sabato pomeriggio (EdiLet, 2011, pp. 268, Euro 12), della scrittrice pisana Silvia Volpi, è un romanzo psicologico di formazione centrato sull’impasse della condizione giovanile: “quel” sentirsi sospesi e talvolta disastrati come… Read More “Sabato pomeriggio” di Silvia Volpi, letto da Marco Onofrio

“Candida”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

Con Candida (2018, pp. 256, Euro 20) la casa editrice Manni ha pubblicato un classico Bildungsroman (romanzo di formazione) in grado di catturare il lettore medio appassionandolo alle vicende e alle peripezie della omonima protagonista, che si lascia ricordare soprattutto per il modo in cui l’autrice riesce a tratteggiarne la psicologia e a farne sentire… Read More “Candida”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

“Nel segno della pecora”, di Haruki Murakami (Einaudi 2010), letto da Dante Maffìa

Libro disorientante, che sfugge a qualsiasi catalogazione, che non segue un’unica direzione narrativa e sfalda verso annotazioni realistiche per entrare in atmosfere surreali, oniriche, in descrizioni mozzafiato, in scene da giallo e da romanzo rosa. Murakami gioca a fare lo scrittore disinvolto di tipo americano, ma la sua natura esuberante trasloca da una vicenda all’altra e… Read More “Nel segno della pecora”, di Haruki Murakami (Einaudi 2010), letto da Dante Maffìa

“Resalio”, di Elly Irukandji, letto da Dante Maffìa

Ho sempre letto i romanzi d’esordio evitando di pensare che si tratti di materia presa a piene mani dalla propria esistenza, cioè di fatti personali, di vicende autobiografiche, accompagnato anzi da una sorta di gioia che mi permette di cogliere l’essenza delle circostanze che hanno spinto l’autore a mettere mano alla storia raccontata. E se… Read More “Resalio”, di Elly Irukandji, letto da Dante Maffìa