“In campo lungo”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

“In campo lungo” (Schena Editore, 2019, pp. 144, Euro 15) è un romanzo meno intenso del precedente “La consolazione della sera”, ma appunto più disteso e aperto di scenari prospettici, e annodato di implicazioni e deduzioni tipiche del mondo di Sabino Caronia, del suo modo insieme narrativo e saggistico di intendere la scrittura. Qui lo… Read More “In campo lungo”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

ACHILLE CAMPANILE: i cavalloni, padroni del mare

Dopo l’una, quando lo stabilimento si fu sfollato e il mare restò deserto, fecero il bagno le bagnine. Poi vennero fuori e andarono a mangiare. Anche i pescatori se ne andarono. Il mare rimase solo. Finalmente solo! Cessato il chiasso, cessata la confusione, il gran mare poteva ora tranquillamente sbizzarrirsi un poco. … Allora, fece… Read More ACHILLE CAMPANILE: i cavalloni, padroni del mare

“Cara domestica follia”, di Lina Raus, letto da Marco Onofrio

Leggendo Cara domestica follia (EdiLet, 2012, pp. 108, Euro 12), mi sono divertito a trovare alcuni punti di contatto con un suo illustre antecedente – almeno (e non solo) come modello di genere letterario: La coscienza di Zeno di Italo Svevo. E quindi: – la struttura di autobiografia “aperta” sotto forma di diario psicanalitico. Francesca… Read More “Cara domestica follia”, di Lina Raus, letto da Marco Onofrio

“Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

  Quando negli anni settanta, finalmente, si cominciò a parlare di Storia non più letta e vissuta attraverso le biografie dei generali e degli uomini di governo, per me fu una liberazione, e non credo solo per me. Qualcuno aveva aperto gli occhi sul contributo essenziale dato dalle masse, dai soldati, dai sognatori solitari che… Read More “Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

“Lo Sciamano”, di Valerio Mattei, letto da Marco Onofrio

Lo Sciamano, il libro grazie a cui – esordendo in campo letterario – lo straordinario talento musicale di Valerio Mattei si cimenta con la melodia della pagina scritta, è un’opera in equilibrio tra narrativa e saggistica, romanzo e dialogo filosofico, apologo morale e vademecum di massime spirituali. La scrittura coinvolge e intriga, è agile e… Read More “Lo Sciamano”, di Valerio Mattei, letto da Marco Onofrio

Francesca Scialanga: “Dimmi il segreto della stesura”

Quel cuscino era un inganno, seta finta infarcita di pelo ruvido d’animale. Si è rovinato subito, con la prima cenere di sigaretta che non sei riuscito a ciccare. Me le ricordo bene, le tue dita che la stringevano, le tue gambe insaccate sotto una coperta di pile comprata all’Ikea. Un livido grigio, irregolare, la cucitura… Read More Francesca Scialanga: “Dimmi il segreto della stesura”

NANNI BALESTRINI: “È ora di finirla con questi porci…”

Perché siamo noi proletari del sud noi operai massa questa enorme massa di operai noi centocinquantamila operai della Fiat che abbiamo costruito lo sviluppo del capitale e di questo suo Stato. Siamo noi che abbiamo creato tutta la ricchezza che c’è e di cui non ci lasciano che le briciole. Abbiamo creato tutta questa ricchezza… Read More NANNI BALESTRINI: “È ora di finirla con questi porci…”

BONAVENTURA TECCHI: la scoperta del “demonico”

Marcello ed Isabella s’eran fermati silenziosi, una sera, sulla strada deserta, in quel trapasso di giorni in cui, partiti gli ospiti invernali, non erano ancor giunti quelli per la nuova stagione e tutto, nel piccolo villaggio, pareva deserto. Erano vicini a un acquitrino, e a un certo punto udirono una voce, ché da lontano qualcuno… Read More BONAVENTURA TECCHI: la scoperta del “demonico”

Mario Soldati e “l’amore della montagna”

Nel 1929, erano già sei anni che passavo con la mia famiglia tre o quattro mesi estivi e le vacanze invernali nell’alta Val di Susa e qualche volta anche al di là, nella valle dell’Arc, dai Bruneau-Soldati, i miei cugini francesi. Avevo ormai preso l’abitudine alla montagna, e l’amore della montagna mi aveva preso. L’aria… Read More Mario Soldati e “l’amore della montagna”