“Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

  Quando negli anni settanta, finalmente, si cominciò a parlare di Storia non più letta e vissuta attraverso le biografie dei generali e degli uomini di governo, per me fu una liberazione, e non credo solo per me. Qualcuno aveva aperto gli occhi sul contributo essenziale dato dalle masse, dai soldati, dai sognatori solitari che… Read More “Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

“Trincea di nuvole e d’ombre”, di Marzia Spinelli, letto da Marco Onofrio

Tra le molte suggestioni accese dal nuovo, intenso libro di Marzia Spinelli (Trincea di nuvole e d’ombre, Marco Saya Edizioni, 2019, pp. 116, Euro 12), spicca il macro-tema eponimo della trincea come spazio agonistico di resilienza, a un tempo riparo, limite e confine. L’anima indomita abita l’argine provvisorio delle numerose trincee (l’ombra, il quotidiano, l’ospedale,… Read More “Trincea di nuvole e d’ombre”, di Marzia Spinelli, letto da Marco Onofrio

“Gli alberi e la Storia”, di Vittorio Emiliani

Gli alberi secolari accompagnano la nostra storia, quella pubblica e quella privata. I 150 anni dell’Unità d’Italia sono stati celebrati anche attraverso alcuni alberi che ancora testimoniano l’intensità di quelle nostre epiche vicende. Fra i primi da citare sono sicuramente gli Alberi della Libertà alzati in tutte le città e cittadine italiane mano a mano… Read More “Gli alberi e la Storia”, di Vittorio Emiliani

“I Castelli Romani nella penna degli scrittori”, di Marco Onofrio. Nota critica di Dante Maffìa

Fino ad alcuni decenni addietro esisteva la tradizione, l’usanza, l’abitudine, come chiamarla? da parte delle Università, di dare uno sguardo in giro e accorgersi degli studiosi che lavoravano con assiduità, con scientificità, con energia indefessa, a realizzare uno scavo culturale in direzione di un argomento che l’Accademia non aveva mai, o quasi mai indagato; e,… Read More “I Castelli Romani nella penna degli scrittori”, di Marco Onofrio. Nota critica di Dante Maffìa

7 dicembre 2018: “Anime di carta” a “Più libri più liberi”. L’evento

EdiLet e la Norman Academy hanno il piacere di invitare la S.V. alla presentazione del volume ANIME DI CARTA Lettere dal fronte e al Re (1915-1918) che si svolgerà presso il Roma Convention Centre La Nuvola (viale Asia – Roma EUR) venerdì 7 dicembre ore 11,30 – Sala Marte Interverranno: Gen.le C.A. CC Tullio Del… Read More 7 dicembre 2018: “Anime di carta” a “Più libri più liberi”. L’evento

“Tradimenti”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

Italia Vitiello Izzo è una scrittrice che sa coniugare felicemente arte e scienza, chiamando a proficuo dialogo universi che la nostra cultura tende – stoltamente – a tenere separati. La sua creazione narrativa nasce da un retroterra scientifico: c’è un imprinting razionale, ovvero l’occhio della biologa sempre aperto nel cuore dell’artista. Solo in un paio… Read More “Tradimenti”, di Italia Vitiello Izzo, letto da Marco Onofrio

GIORGIO VIGOLO: il potere epifanico della musica

Voi comprenderete quanto la musica dovesse facilitare e diciamo anche aggravare in me questa mistica passione di risuscitare l’antico; perché delle bellezze che il tempo ci ruba e ci occulta sotto il pesante ammanto dei secoli nessuna riemerge così viva, come il canto o le musiche dei giorni lontani. Il quadro scende di tono, offusca… Read More GIORGIO VIGOLO: il potere epifanico della musica

Il 16 ottobre 1943 raccontato da ELSA MORANTE

Quella domenica, fra gli altri commenti, notò poi che sul «Messaggero» non c’era traccia di una notizia che pure circolava dentro Roma, e che era stata pure trasmessa, dicevano, dalla Radio-Bari: ieri, Sabato (16 ottobre) tutti i giudii di Roma erano stati razziati all’alba, casa per casa, dai Germani, e caricati su camion verso destinazione… Read More Il 16 ottobre 1943 raccontato da ELSA MORANTE

Luigi D’Alessio: dialogo con Daidō Moriyama

Il dialogo è tra me, vestito Miyake, e lui in classica scala Yamamoro: bianco, grigio, nero. Tokyo, 23 aprile 2007. – Non mi interessa la nitidezza, non faccio fotografie da archivio di architettura. La realtà non è riprodotta in formato 1/100, altrimenti l’immaginazione è asse del fuoco e manopola del tempo. – Sei partito bene,… Read More Luigi D’Alessio: dialogo con Daidō Moriyama