“La venatura della viola”, di Rita Pacilio, letto da Filippo D’Eliso

La premessa, la Lettera al lettore che apre il libro, come per il grande George Perec, potrebbe essere denominata Poesia, istruzioni per l’uso. La venatura della viola (Borgomanero, Giuliano Ladolfi Editore, 2019, pp. 56, Euro 10) consente al lettore un cammino delicato nei meandri del sentire profondo del mondo e della propria interiorità. Con dolcezza e amore… Read More “La venatura della viola”, di Rita Pacilio, letto da Filippo D’Eliso

Giuseppe Mannino: “C’è una sorgente”

C’È UNA SORGENTE C’è una sorgente in ogni uomo. Una sorgente di acqua azzurra. Esce limpida, senza interruzioni, dalle viscere della terra. Per dissetare e per rasserenare. Per procurare incontri per allietare i cuori per incrociare sguardi per regalare emozioni. Ad una sorgente sono nati primi amori. L’acqua chiara di una sorgente è all’origine del… Read More Giuseppe Mannino: “C’è una sorgente”

“Tutto è quel che si pensa (esiste già?)”, di Dante Maffìa, letto da Maria Teresa Armentano

11 Agosto 2019: nella piazzetta di un piccolo paese sperduto di una Calabria sempre più vuota e spopolata si recitano versi. Il silenzio di chi ascolta, forse per la prima volta, la lettura pubblica dei versi è assordante, l’atmosfera quasi magica e irreale. Scoppia l’applauso alla fine, quando l’eco dei versi della poesia di Dante… Read More “Tutto è quel che si pensa (esiste già?)”, di Dante Maffìa, letto da Maria Teresa Armentano

“Poesie per Natasa”, di Ion Deaconescu, letto da Anila Dahriu

Libro di rara bellezza, di estrema raffinatezza espressiva, dettato dal dolore della perdita, ma senza eccessi, scritto dominando l’estensione e la profondità del dolore e riuscendo quindi a distillare ogni parola, sapendo raccontare i sussulti della perdita, il vuoto lasciato, l’inutilità del vivere. Ion Deaconescu è un poeta di estremo rigore linguistico e perciò la sua… Read More “Poesie per Natasa”, di Ion Deaconescu, letto da Anila Dahriu

Giacomo Leopardi sulle rivalità del mondo letterario

24 novembre 1821 – Le donne, i grandi, e il pubblico (letterario, civile, politico etc.) si guadagnano, si maneggiano, si persuadono, si predominano, si vincono etc. colle stesse arti, mezzi, furfanterie, soverchierie etc. Le rivalità letterarie p. e. si esercitano nello stesso modo delle galanterie. Nella repubblica letteraria etc. come presso le donne, e come… Read More Giacomo Leopardi sulle rivalità del mondo letterario