GIORGIO BÀRBERI SQUAROTTI: lettura critica de “La nonna”, dai “Canti di Castelvecchio” di Giovanni Pascoli

LA NONNA Tra tutti quei riccioli al vento, tra tutti quei biondi corimbi, sembrava, quel capo d’argento, dicesse col tremito, bimbi, sì . . . piccoli, sì . . . E i bimbi cercavano in festa, talora, con grido giulivo, le tremule mani e la testa che avevano solo di vivo quel povero sì. Sì,… Read More GIORGIO BÀRBERI SQUAROTTI: lettura critica de “La nonna”, dai “Canti di Castelvecchio” di Giovanni Pascoli

“Due questioni forse letterarie”, di Dante Maffìa

Ci sono due questioni, in letteratura, che mi hanno sempre angustiato e spesso mortificato: quella che stabilisce chi sono i Maggiori e chi sono i Minori, e quella delle metodologie critiche. Ho avuto modo di approfondire e studiare con serietà gli scritti di Tommaso Campanella e quando mi sono trovato a leggere dei testi che… Read More “Due questioni forse letterarie”, di Dante Maffìa

“Lungo la strada”, di Luciano Luisi, letto da Marco Onofrio

La bellezza di questo libro (Lungo la strada, Lecce, Manni Editore, 2018, pp. 144, Euro 18) nasce, oltre che dalla limpidezza sorgiva dei versi, anche dalla felice dialettica tra poetica dell’incanto (quel che Pasolini ne La divina Mimesis definisce “pausa dopo una parola che può essere senza fine interrogata e pensata in silenzio”) e distensione narrativa:… Read More “Lungo la strada”, di Luciano Luisi, letto da Marco Onofrio

“La felicità come antichità del presente”, di Nicola Gardini

C’è una poesia di Pascoli, “La felicità”, contenuta nei Primi poemetti, in cui la felicità è un ideale irraggiungibile. Chi la cerca è come un cavaliere errante, uno di quelli che, nel poema di Ariosto, inseguono Angelica. La perde appena crede di averla trovata. E la ritrova nel momento stesso in cui se ne sente… Read More “La felicità come antichità del presente”, di Nicola Gardini

“Il verso strappato” di Francesca Di Castro, letto da Marco Onofrio

Sul fresco muschio languida illumina alba candida corpo di cera morbida che s’abbandona all’anima del sogno primordiale nel bosco che divora la sua rugiada astrale. È uno specimen pressoché perfetto della poesia di Francesca Di Castro (raccolta nel volume antologico Il verso strappato. Poesie 2009-2012, Pagine Edizioni, 2016, pp. 104, Euro 14), e lo è… Read More “Il verso strappato” di Francesca Di Castro, letto da Marco Onofrio

9 aprile 2017: la scomparsa di Giorgio Bàrberi Squarotti. Un ricordo di Marco Onofrio

Due giorni fa è morto nella sua Torino Giorgio Bàrberi Squarotti, l’ultimo decano della critica letteraria novecentesca. EdiLet ha avuto l’onore e il piacere di pubblicargli due libri: le poesie de Il giullare di Nôtre-Dame des Neiges (2010) e i saggi critici Pascoli, la bicicletta e il libro (2012). L’ho conosciuto personalmente grazie ad Aldo… Read More 9 aprile 2017: la scomparsa di Giorgio Bàrberi Squarotti. Un ricordo di Marco Onofrio

Il «rifiuto» di Benedetto XVI e il significativo precedente di Celestino V, di Willy Pocino

La clamorosa e stupefacente decisione di rinunciare al soglio pontificio, resa nota solennemente in latino nella Basilica di S. Pietro da papa Benedetto XVI, Ratzinger, l’11 febbraio 2013 a conclusione del Concistoro convocato per tre canonizzazioni, fece rapidamente il giro del mondo cogliendo di sorpresa il popolo di Dio e anche larga parte dei più… Read More Il «rifiuto» di Benedetto XVI e il significativo precedente di Celestino V, di Willy Pocino