“Poesie per Natasa”, di Ion Deaconescu, letto da Anila Dahriu

Libro di rara bellezza, di estrema raffinatezza espressiva, dettato dal dolore della perdita, ma senza eccessi, scritto dominando l’estensione e la profondità del dolore e riuscendo quindi a distillare ogni parola, sapendo raccontare i sussulti della perdita, il vuoto lasciato, l’inutilità del vivere. Ion Deaconescu è un poeta di estremo rigore linguistico e perciò la sua… Read More “Poesie per Natasa”, di Ion Deaconescu, letto da Anila Dahriu

“Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

  Quando negli anni settanta, finalmente, si cominciò a parlare di Storia non più letta e vissuta attraverso le biografie dei generali e degli uomini di governo, per me fu una liberazione, e non credo solo per me. Qualcuno aveva aperto gli occhi sul contributo essenziale dato dalle masse, dai soldati, dai sognatori solitari che… Read More “Muori cornuto. Giuseppe Zangara, l’uomo che tentò di uccidere il presidente Roosevelt” (Luigi Pellegrini Editore, 2019), di Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, letto da Dante Maffìa

“Due questioni forse letterarie”, di Dante Maffìa

Ci sono due questioni, in letteratura, che mi hanno sempre angustiato e spesso mortificato: quella che stabilisce chi sono i Maggiori e chi sono i Minori, e quella delle metodologie critiche. Ho avuto modo di approfondire e studiare con serietà gli scritti di Tommaso Campanella e quando mi sono trovato a leggere dei testi che… Read More “Due questioni forse letterarie”, di Dante Maffìa

“Diritto d’amore”, di Stefano Rodotà, letto da Dante Maffìa

Non so quanti giuristi abbiano il dono di associare alla scientificità della materia che interpretano una sensibilità rara come quella di Stefano Rodotà (1933-2017), originario di San benedetto Ullano, in provincia di Cosenza, professore emerito di Diritto civile dell’Università La Sapienza di Roma e uno degli autori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Anche… Read More “Diritto d’amore”, di Stefano Rodotà, letto da Dante Maffìa

“La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

Può esistere una scrittura estremamente lirica e, allo stesso tempo, estremamente sliricizzata, pastosa ed esile, calda e rarefatta, realistica e sognante, poetica e razionale, specificata fino all’inverosimile e compatta, solida, fatta di sensazioni, di dettagli minimi, di accensioni che prendono la via del resoconto? Può esistere una scrittura che sappia specificare la poesia dell’anima, la… Read More “La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

“Le catene del sole”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa

Mi sono domandato, appena avuto tra le mani questo libro di Marco Onofrio (Le catene del sole, Fusibilia Edizioni, 2019, pp. 120, Euro 13), da dove e come nasce l’esigenza, in alcuni autori, di rompere gli schemi, di sperimentare l’affanno e la realtà-irrealtà delle sillabe a un certo punto della loro vita. L’unica risposta più… Read More “Le catene del sole”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa