GIORGIO VIGOLO: il potere epifanico della musica

Voi comprenderete quanto la musica dovesse facilitare e diciamo anche aggravare in me questa mistica passione di risuscitare l’antico; perché delle bellezze che il tempo ci ruba e ci occulta sotto il pesante ammanto dei secoli nessuna riemerge così viva, come il canto o le musiche dei giorni lontani. Il quadro scende di tono, offusca… Read More GIORGIO VIGOLO: il potere epifanico della musica

GIORGIO VIGOLO: “Scrivere una poesia”

SCRIVERE UNA POESIA Scrivere una poesia sempre è un colpo di mano sull’ignoto, un penetrare svegli nel mistero del sogno, un prendere possesso della notte. Aggiramento, azione di sorpresa sulla nostra città profonda: forzare la sua porta, entrare fra le case addormentate, scoprire il loro segreto. Perciò una poesia si scrive di soppiatto, all’insaputa quasi… Read More GIORGIO VIGOLO: “Scrivere una poesia”

“Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, recensito da Paolo Di Paolo su «La Repubblica» del 25 giugno 2018

  Marco Onofrio. Mappa prodigiosa della città che vince sempre Detta così, sembra perfino azzardata. Ma “Roma vince sempre” non è una speranza: piuttosto, una constatazione. La capitale vince sempre, sì: al passato di sicuro. Tante sono le prodigiose storie che può vantare, tanti sono gli effetti speciali, le frecce al suo arco, nel grande… Read More “Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, recensito da Paolo Di Paolo su «La Repubblica» del 25 giugno 2018

“Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, recensito sul free press “Il Caffè dei Castelli Romani”, a cura di Luca Priori

È uscito il nuovo libro dello scrittore marinese Marco Onofrio: “Roma vince sempre. Scrittori Personaggi Storie Atmosfere” (Edilazio). Una raccolta di 33 micro-saggi dedicati alla bellezza eterna di Roma e del suo territorio, patrimonio mondiale della cultura e riferimento ineludibile per qualunque prospettiva umanistica sulla poco incoraggiante realtà contemporanea. Dopo il precedente “Non possiamo non… Read More “Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, recensito sul free press “Il Caffè dei Castelli Romani”, a cura di Luca Priori

“Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa

Ogni volta che mi càpita di occuparmi di Roma mi viene spontaneo ricordare un adagio di Corrado Alvaro, “Roma è un indovinello sia per chi vi trascorre un giorno, un mese o un anno e sia per chi vi abita tutta la vita”. Spesso un indovinello a Matrioska, perché è tale e tanto l’accumulo di Storia,… Read More “Roma vince sempre”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa

“Le stagioni romane di Maria Callas” (Edilazio 2017), di Franco Onorati, letto da Marco Onofrio

Questo libro di Franco Onorati, che conclude in bellezza il suo 2017 d’autore dopo I musicisti e Roma uscito ad aprile per Elliot edizioni, è prezioso non solo perché consente una ricostruzione delle stagioni romane di Maria Callas attraverso lo spoglio paziente dei giornali dell’epoca, ma anche perché esplora l’universo estetico del grande soprano mettendone in… Read More “Le stagioni romane di Maria Callas” (Edilazio 2017), di Franco Onorati, letto da Marco Onofrio

GIORGIO VIGOLO, “Le api sul Tevere” (1923)

Nell’aureo mattino di luglio sono tornato figlio del Sole. E tu, o mia terra generosa e schietta, come subito m’hai perdonato tante mie tristi infedeltà per riabbracciarmi, tu per prima contenta, sul tuo petto pacificato di madre! Di buon’ora ero già fuori porta, per quelle strade silenziose e musicali che accompagnano con gli alberi il… Read More GIORGIO VIGOLO, “Le api sul Tevere” (1923)

Sigfrido Oliva, Giorgio Vigolo e gli incanti di Roma, di Paolo Emilio Trastulli

“Si vedono le cupole / venire a galla sul mare / dei tetti: e il bruco d’oro / dei platani snodarsi / nella valle dei Lungoteveri”; così mezzo secolo fa restituivano all’immaginazione del lettore il paesaggio di Roma dal Pincio alcuni versi di Giorgio Vigolo. Visione cara, questa, a Sigfrido Oliva che, nel suo studio-laboratorio,… Read More Sigfrido Oliva, Giorgio Vigolo e gli incanti di Roma, di Paolo Emilio Trastulli

FRIEDRICH HÖLDERLIN: 3 poesie, con traduzione italiana di Giorgio Vigolo

ABBITTE Heilig Wesen! gestört hab ich die goldene götteruhe dir oft, und der geheimeren, tiefern Schmerzen es Lebens hast du manche gelernt von mir. O vergiss es, vergib! gleich dem Gewölke dort vor dem friedlichen Mond, geh ich dahin, und du ruhst und glänzest in deiner schöne wieder, du süsses Licht! PREGHIERA DI PERDONO O… Read More FRIEDRICH HÖLDERLIN: 3 poesie, con traduzione italiana di Giorgio Vigolo