Frammento dell’Intervista ad Antonio Debenedetti (1937-2021), dal volume “Nello specchio del racconto” (EdiLet 2011), di Marco Onofrio. In memoriam

Possiamo ricostruire la mappa dei suoi luoghi romani? Sono nato a Torino, ma sono stato concepito a Roma: nella pensione “Villa Borghese”, che affacciava su Via Pinciana, di fronte al Museo Borghese, vicino a dove è nato Moravia. Fu proprio Moravia a consigliare a mio padre quella pensione, intorno alla metà degli anni trenta. I… Read More Frammento dell’Intervista ad Antonio Debenedetti (1937-2021), dal volume “Nello specchio del racconto” (EdiLet 2011), di Marco Onofrio. In memoriam

Pubblicità

Edoardo Sanguineti: “Poetica e poesia di Guido Gozzano”

Si conceda, infatti, che la poesia di Gozzano (di questo «pessimista senza tristezza», come disse la Guglielminetti) sia ricca di amore per le cose belle della vita, sia tracciata con un «pennello pieno di sole» (come vollero Pancrazi e Trompeo, con la pretesa di cogliere l’autentico Gozzano «dietro il velo crepuscolare»); è vero però, in… Read More Edoardo Sanguineti: “Poetica e poesia di Guido Gozzano”

“Novecento e oltre”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa

Caro Marco, non meravigliarti, c’è sempre una prima volta, ed ecco una recensione in forma di epistola. Caro, caro Marco, non t’aspettare elogi, sarai subissato da quelli che non appaiono nel tuo libro Novecento e oltre. Letteratura italiana di ieri e di oggi (EdiLet, 2020, pp. 416, Euro 23), che non sono esclusi, semplicemente non… Read More “Novecento e oltre”, di Marco Onofrio, letto da Dante Maffìa

“16 ottobre 1943”, di Giacomo Debenedetti, letto da Marco Onofrio

“16 ottobre 1943” è un gioiello purissimo del Novecento, un’opera straordinaria che rimarrà a eterno monito dell’Uomo. Giacomo Debenedetti lo scrisse a Cortona (precisamente a Villa Baldelli, a S. Pietro al Cegliolo) dove – figurando nelle liste dell’Ovra – si era rifugiato con la famiglia, su invito di Pietro Pancrazi, e dove rimase fino al… Read More “16 ottobre 1943”, di Giacomo Debenedetti, letto da Marco Onofrio