“In campo lungo”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

“In campo lungo” (Schena Editore, 2019, pp. 144, Euro 15) è un romanzo meno intenso del precedente “La consolazione della sera”, ma appunto più disteso e aperto di scenari prospettici, e annodato di implicazioni e deduzioni tipiche del mondo di Sabino Caronia, del suo modo insieme narrativo e saggistico di intendere la scrittura. Qui lo… Read More “In campo lungo”, di Sabino Caronia, letto da Marco Onofrio

“Poesie per Nataşa”, di Ion Deaconescu, letto da Maria Teresa Armentano

L’autore, poeta rumeno, in questa raccolta (Poesie per Nataşa, Lepisma, 2019, pp. 56, Euro 12) che dedica alla moglie scomparsa prematuramente, scrive di lei e del loro amore con accenti di tenerezza e dolcezza, smorzati dal dolore della perdita. Quando la luce non splende più, la voce si spegne, trionfa il silenzio che avvolge il… Read More “Poesie per Nataşa”, di Ion Deaconescu, letto da Maria Teresa Armentano

Interpretazioni del mito di Orfeo, di Marie-Louise Lentengre

L’orfismo è una tappa fondamentale nel cammino della società verso l’incivilimento, il precursore della religione di Mitra, con qualche influenza sullo stesso cristianesimo: sant’Agostino dichiarò che Orfeo aveva predetto l’avvento del Cristo. La psicoanalisi ci dice che la discesa agli inferi alla ricerca di Euridice è un desiderio di ritorno al seno materno, che Orfeo… Read More Interpretazioni del mito di Orfeo, di Marie-Louise Lentengre

ORFEO ED EURIDICE, composizioni poetiche di Valter Casagrande

La porta dell’Ade – Orfeo Nella penombra di un chiaroscuro spezzato dalla tenue luce di una meta ormai in vista, vedo sparire la punta delle tue dita protese verso di me ed appena sfiorate dalla mia mano. Mi sono girato a guardare la tua ombra quasi tornata terrena, non ho resistito all’impulso potente di poterti… Read More ORFEO ED EURIDICE, composizioni poetiche di Valter Casagrande

“Echi e sussurri” di Giorgina Busca Gernetti. Note critiche di Marco Onofrio

Fino agli anni ’70 del Novecento ci si rivolgeva al poeta per scrutare il segreto della vita: il poeta era ancora il “sacro mediatore” del senso ultimo delle cose. Poi è venuta meno ogni “aura” romantica. Oggi non c’è più spazio per il Sublime. Eppure un autore grande e certamente estraneo alle facili ingenuità, Giorgio… Read More “Echi e sussurri” di Giorgina Busca Gernetti. Note critiche di Marco Onofrio