JORGE LUIS BORGES: l’ineffabile Visione dell’Aleph (1949)

Arrivo, ora, all’ineffabile centro del mio racconto; comincia, qui, la mia disperazione di scrittore. Ogni linguaggio è un alfabeto di simboli il cui uso presuppone un passato che gli interlocutori condividono; come trasmettere agli altri l’infinito Aleph, che la mia timorosa memoria a stento abbraccia? I mistici, in simili circostanze, sono prodighi di emblemi: per… Read More JORGE LUIS BORGES: l’ineffabile Visione dell’Aleph (1949)