“Finché il caffè è caldo”, di Toshikazu Kawaguchi, letto da Dante Maffìa

Toshikazu Kawaguchi è sceneggiatore e regista e quindi è naturale che le scene del libro Finché il caffè è caldo (Milano, Garzanti, 2020, pp. 177, Euro 16. Traduzione di Claudia Marseguerra) abbiano la vivezza visiva, la spigliatezza che di solito appartiene alla cronaca. Questo significa che nelle pagine non c’è il sovrappiù descrittivo, il fascino… Read More “Finché il caffè è caldo”, di Toshikazu Kawaguchi, letto da Dante Maffìa

Pubblicità

“Diario di un vecchio pazzo”, di Junichiro Tanizachi, letto da Dante Maffìa

Non so dire se questo libro (Diario di un vecchio pazzo, Milano, Bompiani) mi è piaciuto; ogni tanto ho sentito la curiosità di proseguire la lettura e ogni tanto la noia, una lentezza che appartiene alla meditazione, agli scrittori che giocano sulla irrilevanza dei fatti, sulle piccole cose quotidiane che si perdono poi nell’indistinto. Ma… Read More “Diario di un vecchio pazzo”, di Junichiro Tanizachi, letto da Dante Maffìa

“La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

Può esistere una scrittura estremamente lirica e, allo stesso tempo, estremamente sliricizzata, pastosa ed esile, calda e rarefatta, realistica e sognante, poetica e razionale, specificata fino all’inverosimile e compatta, solida, fatta di sensazioni, di dettagli minimi, di accensioni che prendono la via del resoconto? Può esistere una scrittura che sappia specificare la poesia dell’anima, la… Read More “La casa delle belle addormentate”, di Yasunari Kawabata, letto da Dante Maffìa

“Kafka sulla spiaggia”, di Murakami Haruki, letto da Dante Maffìa

Kafka sulla spiaggia (Torino, Einaudi, 2008, pp. 514, Euro 20) è un romanzo costruito per episodi, con la convinzione che poi si troverà una sutura, e che alla fine, con belle frasi e buoni intendimenti, il cerchio si chiuderà e l’opera sarà osannata perché ricca di suggestioni, di intenzioni esoteriche, filosofiche, sapienziali. Non è così,… Read More “Kafka sulla spiaggia”, di Murakami Haruki, letto da Dante Maffìa

“Nel segno della pecora”, di Haruki Murakami (Einaudi 2010), letto da Dante Maffìa

Libro disorientante, che sfugge a qualsiasi catalogazione, che non segue un’unica direzione narrativa e sfalda verso annotazioni realistiche per entrare in atmosfere surreali, oniriche, in descrizioni mozzafiato, in scene da giallo e da romanzo rosa. Murakami gioca a fare lo scrittore disinvolto di tipo americano, ma la sua natura esuberante trasloca da una vicenda all’altra e… Read More “Nel segno della pecora”, di Haruki Murakami (Einaudi 2010), letto da Dante Maffìa

“Quel che resta del giorno”, di KAZUO ISHIGURO, letto da Dante Maffìa

Lo scrittore è nato in Giappone ma si è trasferito in Inghilterra all’età di quattro anni e dunque ha vissuto appena le atmosfere e le tradizioni del mondo giapponese, attraverso il ricordo dei genitori; infatti questo romanzo (Quel che resta del giorno, Torino, Einaudi, 1990, pp. 294) è inglese in maniera totale, anche se la… Read More “Quel che resta del giorno”, di KAZUO ISHIGURO, letto da Dante Maffìa