Ricordi a ruota libera di Willy Pocino, tra night club, case chiuse e teatri “a sbafo” (dalle memorie autobiografiche “Cinquant’anni di vita romana”, di prossima pubblicazione con Edilazio)

Una sera del mese di settembre 1957, verso le otto, ero in attesa del filobus 75 alla fermata di via Nazionale, all’altezza del Palazzo delle Esposizioni, quando incontrai l’amico Michele Rosa, un bravo pittore di Sora che avevo casualmente conosciuto alcuni mesi prima in una galleria d’arte di via Margutta dove erano esposti i suoi… Read More Ricordi a ruota libera di Willy Pocino, tra night club, case chiuse e teatri “a sbafo” (dalle memorie autobiografiche “Cinquant’anni di vita romana”, di prossima pubblicazione con Edilazio)