Dante Maffìa: “Sono nato il 17 gennaio”

Roseto2

SONO NATO IL 17 GENNAIO

Sono nato il 17 gennaio
e tutti dicevano a mia madre
che sarei stato una sciagura:
il 17 porta sfortuna,
era bene che buttasse a un quadrivio
un secchio d’acqua
dopo averlo condito con aceto,
polvere da sparo
e sale.
Mia madre non se lo fece dire due volte
e abbondò con l’aceto
e con il sale,
perciò eccomi qui vegeto e sano,
ma c’è di più,
non le ho dato mai un dispiacere,
non le ho mai disobbedito
a meno che non c’eri tu
ad aspettarmi nei Sassi
e allora mi autorizzavo a dire bugie.
Ho molto sofferto,
molto amato,
molto creduto all’Amore
e alla Poesia,
ho viaggiato per tutti i continenti
e goduto i ciliegi in fiore a Kioto,
le donne più belle del pianeta.
Lo so, tutti dicono
d’aver amato le donne più belle,
ma i tutti non conoscono la bellezza
come la conosce un grande poeta.
Perché sono un grande poeta.
Ho attraversato molte città,
dato loro il mio abbraccio appassionato
e la fioritura del cuore.
C’ero davanti alla bara di mio Padre,
di mia Madre, di Giggino e di Tonino,
i fratelli a cui non ho saputo dire
quanto l’ho amati.
Ero presente anche alla nascita di Lara,
di Serena e di Federica.
Sì, anche a quella dei nipoti.
Ho letto più libri del necessario:
ho sempre fame di conoscere
e continuo a studiare come un liceale,
anzi come un monaco campanelliano.
La memoria m’aiuta
e ancora riesco a sminuzzare
le pagine di Kant
e di Hegel.
Mi ha molto aiutato Croce.
A saper leggere i libri mi hanno aperto le porte
Borgese, Pancrazi, Titta Rosa,
De Robertis, Cecchi, Spagnoletti
e Carlo Bo.
Adesso so pesare anche i millesimi d’un testo,
capire a volo quel che valgono le pagine.
Potrei continuare a dirvi di me
i mille segreti che mi hanno accompagnato,
i voli bizzarri compiuti,
le ricognizioni fatte
sulle nuvole e sul vento,
per non dire delle liti con il mare
che ancora si ostina a parlarmi d’Ulisse.
Di Nausiche ne ho posseduto mille,
di Elene tremila e tremila di Saffo,
per non parlare degli incontri casuali.
Ogni volta che la loro forma mi struggeva
impazzivo,
volevo farle poesia,
tramutarle in grido.
Che dirvi ancora?
Ho anche pensato di fare il pittore,
l’orafo,
il carovaniere, il brigante, il guitto
o il giardiniere.
Mi piace sentirmi Gargantua,
ascoltare fino allo sfinimento
le canzoni napoletane,
giocare a tressette,
stare ore affacciato al balcone
a veder passare la gente,
rincorrere le belle ragazze con gli occhi
e sentirmi mutilato,
punito del loro addio rapido.
La tua venuta non ha spento nulla,
anzi ha acceso anche le mie penombre,
le mie vaghezze e i tamburi dell’oscurità.
Vigilo la brezza però, non si sa mai
che possa sfiorarti, essere intraprendente.
L’odore del basilico mi dà quasi l’orgasmo,
il sapore della tua lingua
gli arcobaleni, i salvadanai degli Dei,
la Resurrezione che si ripete
anche soltanto a sillabare il tuo nome.
Confesso che ho vissuto
come Neruda e D’Annunzio.
Ma sono convinto che il nostro amore
lo invidiano anche loro
per com’è semplice e immenso.

Dante Maffìa

Annunci

Un pensiero riguardo “Dante Maffìa: “Sono nato il 17 gennaio”

  1. Dante Maffia descrive se stesso come un uomo che ha certezza di essere stato toccato da una qualche Divinità che lo ha reso unico e straordinario poeta..Tutti i segreti di Dante Maffia sono celati nei suoi versi che hanno sapore d’antico e di nuovo. Se li leggi più di una volta, lasciano lo stesso struggimento della prima e ogni volta amplificano i battiti del cuore. Sarà questo il segreto di Dante Maffia? Rigenerarsi in ogni suo verso e rigenerare il lettore sempre stupito dalla bellezza della sue poesie.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.