“Nitrito d’argento”, poesia di Nina Maroccolo

unicorno

NITRITO D’ARGENTO

Giace, latente in giacenza, il Dio numero primo: suono e lavacro.
Quale svilimento, Padre! La giostra sbilenca della comprensione ruggisce
[nel nitrito di un cavallo.
Monografia d’aria la cedente ruvidezza linguale? E le vocali soprane?
Quale gola più innocente, dimmi?
Quale destinazione più ecumenica del suono e del lavacro?

Il nitrato d’argento è altro raggiungimento. Una completezza rovesciata.
La chimica si spiega, eppure la maggioranza non comprende il periodico Sistema.
Quale svilimento, Padre! Il Sistema è il sistema: lo viviamo.
Lamentiamo diossina, veleno et Paix.
E così – sì, è così: ti tradisce la tavola degli elementi.
Così l’umano “Ti voglio bene”, se l’aria d’aria luminescente si beffa
[di un cavallo felice,
incontrandoti.
Il suono muore labiale – finto babelico.
Justice!

Ma io sfavillo. Non cedo per mancanza di zuccheri.
Sono il cavallo, la veglia lattea del sonno nell’alveo d’antico lino.
Lo svilimento galoppante, inargentato, pullula tra nevegioia.
Non canto: nitrisco cantando.
In vista del Cristo: puledro, pargolo e numero trino.
Prima di Adamo, nello squarcio mattutino d’un intellegibile atavismo.

 Nina Maroccolo

 (dal catalogo miscellaneo di poesie e libri d’artista
“La Fede”, a cura di M. Onofrio e S. Severi, EdiLet, 2013, p. 31)

Annunci

Un pensiero riguardo ““Nitrito d’argento”, poesia di Nina Maroccolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.