L’«enigma della realtà», ovvero: il sogno metafisico delle cose, di Marco Onofrio

LA PRESENZA DI ÈRATO

I confini che l’immaginario delinea – tra le soglie complementari del “fantastico” e del “reale” – assomigliano a quelli, mobili e cangianti, mediante cui – sul bagnasciuga – si annoda l’interminabile dialogo che unisce terra e mare, spiaggia e onda, sabbia e schiuma. È un’apertura che chiude e, simultaneamente, una chiusura che apre: un ciclo intermittente di suoni e silenzi modulati che alterna le direttrici delle profondità, a guisa di cerniera, nella perenne metamorfosi dei mondi. Le visioni escono una dall’altra come scatole cinesi: ogni “scena” sfuma in quella che sta per arrivare. Allo stesso modo, l’artista esplora le dimensioni parallele del “multiverso” grazie a questo continuo debordare del sogno nella vita e della vita nel sogno. Ma la vita stessa è ombra di un sogno, e il sogno più grande – a ben vedere – è proprio quello della realtà cosiddetta “normale”.

magritte R. Magritte, “La camera d’ascolto” (1958)

View original post 1.210 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.