Ultimo banco

di Federica Bellinati e Palmira De Angelis

ultimobanco2_big«Aveva visto mille volte la carta dell’Inferno, ma non si era mai accorta che aveva precisa la forma di un utero». Starnone a parte, era dai tempi di Giovanni Mosca che non si leggeva un libro così vivo e vero sulla realtà della scuola, qui vista bi-partisan, da entrambe le sponde della “barricata”. Salvo scoprire, poi, che insegnanti e alunni stanno dalla stessa parte: molto più di quanto gli accada di credere, durante gli anni della loro forzata e quotidiana frequentazione. Chiunque può riconoscersi nella tipicità di questi racconti dal sapore fortemente umano, dove in filigrana ha modo di trasparire la storia recente e contemporanea del nostro Paese, oltre che per i suoi accadimenti di pubblico dominio (ad esempio gli “anni di piombo”, il rapimento e la uccisione di Aldo Moro), anche per il tessuto minimo della sua evoluzione sociale, di cui la scuola è (o dovrebbe essere) laboratorio permamente. Ottime le qualità della narrazione: fresca, vivace, divertente, tutta cose, in grado di tenere incollati alla pagina. Si legge d’un fiato.

Marco Onofrio

«L’Ultimo banco è la cattedra. I protagonisti sono insegnanti ritratti nel loro barcamenarsi fra le difficoltà esistenziali e la complessità del mondo della scuola. Il taglio ironico, via via sempre più umoristico, suscita sorriso e comprensione per le loro nevrosi e per i loro maldestri tentativi di competere con il mondo esterno e di uscire dalla solitudine».

Il Venerdì di Repubblica

«Non si tratta di racconti a quattro mani, ma di testi che, pur scritti separatamente dalle due autrici, hanno una coerenza narrativa: rivelano un rapporto talvolta lieve, talvolta doloroso, sempre intenso, con l’istituzione scuola».

Roberto Cotroneo

Dati: 2009, pp. 180, brossura
Prezzo: 12 euro

Acquista in contrassegno o con bonifico, attraverso l’apposito form.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.